• La camera delle meraviglie: le navi

  • Il Teatro di Panzano: le tele di Vito Timmel

  • Interno del Museo: la Giulio Cesare

  • La camera delle meraviglie: la produzione aeronautica

  • Interno del Museo

  • Il tunnel sensoriale

  • Il lavoro in fabbrica:il tunnel sensoriale

  • La sala dei personaggi

  • Il Teatro di Panzano

  • La camera delle meraviglie: arredi di interni

  • La camera delle meraviglie: la produzione navale

L'allestimento

Percorso espositivo del Museo della Cantieristica

Il percorso espositivo del MuCa si articola in 4 Aree tematiche e 14 Sale espositive.

  • La città, l’abitare, i servizi sociali, le guerre
  • I cantieri, gli imprenditori, le aziende
  • Il lavoro in fabbrica
  • Le navi, le produzioni collaterali, l’immagine aziendale
sala9 sala1 sala11 sala12 sala14 sala13 sala5 sala4 sala2 sala3 sala6 sala7 sala10 sala8

Sala 1

Ingresso Reception, bookshop, info, guardaroba.

Sala 2

Il cantiere, il quartiere di Panzano e il territorio monfalconese: una mappa interattiva, posta sotto la riproduzione di un fumaiolo di nave, sorge al centro della sala dedicata all’introduzione e allo sviluppo del territorio monfalconese prima, durante e dopo la nascita del cantiere navale (1908). I singoli temi sono approfonditi in pannelli didattici, tre postazioni touch screen e teche contenenti documenti e cimeli.

Sala 3

Storia d'impresa dei Cosulich: le vicende societarie della compagnia di navigazione della famiglia, le storie dei membri più legati al cantiere, una timeline che ripercorre oltre un secolo di storia composta da due linee temporali, una dedicata alle vicende del cantiere, l'altra agli eventi che hanno interessato il territorio.

Sala 4

Il tunnel sensoriale: un’installazione che al passaggio dei visitatori evoca le condizioni di lavoro nel cantiere navale. La simulazione degli ambienti di lavoro è creata mediante l'utilizzo di effetti sonori, luminosi e di brevi contributi multimediali proiettati su monitor.

Sala 5

Il simulatore di gru: riproduzione dell’interno dell’abitacolo di una delle gru utilizzate presso il cantiere, che dominavano sul panorama di Monfalcone. Da una postazione di comando centrale il visitatore potrà “pilotare” la gru, muoversi lungo il bacino e osservare la celebre motonave Saturnia ancora in costruzione. La simulazione include alcuni approfondimenti (foto/audio/video) a supporto della ricostruzione virtuale.

Sala 6

Il lavoro in cantiere: temi-chiave della sala sono il lavoro e lo sviluppo della tecnologia applicata al processo produttivo di una nave, con un occhio di riguardo al tema della sicurezza e alla questione amianto, attraverso la descrizione di modalità e condizioni di lavoro ieri e oggi.

L’isola didattica permette l’accesso a contenuti e testimonianze storiche, in aggiornamento continuo, anche a gruppi e scolaresche consentendo una fruizione coinvolgente e molto efficace sul piano didattico, attuata attraverso strumenti interattivi touch-screen

Sala 7

La sala dei personaggi: una stanza buia con sei personaggi virtuali proiettati che interagiscono con il visitatore declinando il significato del lavoro in cantiere da sei punti di vista diversi e offrendo un’esperienza immersiva a carattere narrativo di tipo teatrale.

Personaggi: Tranquillo Marangoni (1912-1992), celebre xilografo che ha lavorato a lungo come arredatore navale nel cantiere di Monfalcone; Egone Missio (1895-1980), disegnatore navale; Nicolò Costanzi (1893-1967), architetto navale; Dante Fornasir (1882-1958), ingegnere protagonista dello sviluppo del villaggio di Panzano; Callisto Cosulich (1847-1918), fondatore nel 1908 del Cantiere di Monfalcone; Elda S. (nata nel 1921), personaggio realmente esistito intervistato nel 1997 da Caterina Bolletti.

Sala 8

La “camera delle meraviglie”: è dedicata alla produzione del cantiere navale, dimostrandone l’eclettismo e l’elevato standard qualitativo: grandi modelli di navi da crociera, immagini d’epoca e due postazioni multimediali di approfondimento.

Uno spazio è dedicato al design navale e agli arredi di interni delle navi prodotte a Monfalcone: dalle mitiche navi del passato come la Saturnia alle moderne navi da crociera ammirate in tutto il mondo. Nella subarea 11 prosegue il tema della produzione, anche collaterale, del cantiere.

Sala 9

Sala per esposizioni temporanee

Sala 10

Pannello di Zoran Mušič

Nell’Area speciale 10 viene allestito lo splendido pannello ricamato di Zoran Mušič, realizzato per la sala di soggiorno di prima classe della motonave Augustus nel 1951. L’opera, lunga ben nove metri, è stata concessa in deposito dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Sala 11

Sala produzioni collaterali.

In quest’area prosegue il tema delle produzioni del cantiere: la produzione navale è riassunta grazie ad una rappresentazione grafica d’insieme dei profili delle costruzioni realizzate nell’intero arco di vita degli stabilimenti monfalconesi. La produzione collaterale, costituita ad esempio dai memorabili motoscafi “Bora”, è anch’essa rappresentata in quest’area di passaggio che riconduce all’isola didattica.

Sala 12

Ricostruzione multimediale del Teatro di Panzano

Sala 13

Il Teatro di Panzano e le tele di Vito Timmel

Sono in mostra 7 delle 13 tele eseguite dal pittore Vito Timmel per il Teatro del villaggio di Panzano, demolito a seguito dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Un’importante testimonianza, un omaggio al grande artista-decoratore e al Teatro di Panzano, simbolo del welfare aziendale perseguito dai Cosulich.

Sala 14

Sala per esposizioni temporanee e convegni

Attualmente illustra la storia dell’immagine aziendale, della comunicazione e del marketing del Cantiere in oltre un secolo di attività. Prevede una saletta collegata alla Sala 13, in cui è possibile ammirare la ricostruzione virtuale 3D del Teatro di Panzano.

Sala 1

Ingresso Reception, bookshop, info, guardaroba.

Sala 2

Il cantiere, il quartiere di Panzano e il territorio monfalconese: una mappa interattiva, posta sotto la riproduzione di un fumaiolo di nave, sorge al centro della sala dedicata all’introduzione e allo sviluppo del territorio monfalconese prima, durante e dopo la nascita del cantiere navale (1908). I singoli temi sono approfonditi in pannelli didattici, tre postazioni touch screen e teche contenenti documenti e cimeli.

Sala 3

Storia d'impresa dei Cosulich: le vicende societarie della compagnia di navigazione della famiglia, le storie dei membri più legati al cantiere, una timeline che ripercorre oltre un secolo di storia composta da due linee temporali, una dedicata alle vicende del cantiere, l'altra agli eventi che hanno interessato il territorio.

Sala 4

Il tunnel sensoriale: un’installazione che al passaggio dei visitatori evoca le condizioni di lavoro nel cantiere navale. La simulazione degli ambienti di lavoro è creata mediante l'utilizzo di effetti sonori, luminosi e di brevi contributi multimediali proiettati su monitor.

Sala 5

Il simulatore di gru: riproduzione dell’interno dell’abitacolo di una delle gru utilizzate presso il cantiere, che dominavano sul panorama di Monfalcone. Da una postazione di comando centrale il visitatore potrà “pilotare” la gru, muoversi lungo il bacino e osservare la celebre motonave Saturnia ancora in costruzione. La simulazione include alcuni approfondimenti (foto/audio/video) a supporto della ricostruzione virtuale.

Sala 6

Il lavoro in cantiere: temi-chiave della sala sono il lavoro e lo sviluppo della tecnologia applicata al processo produttivo di una nave, con un occhio di riguardo al tema della sicurezza e alla questione amianto, attraverso la descrizione di modalità e condizioni di lavoro ieri e oggi.

L’isola didattica permette l’accesso a contenuti e testimonianze storiche, in aggiornamento continuo, anche a gruppi e scolaresche consentendo una fruizione coinvolgente e molto efficace sul piano didattico, attuata attraverso strumenti interattivi touch-screen

Sala 7

La sala dei personaggi: una stanza buia con sei personaggi virtuali proiettati che interagiscono con il visitatore declinando il significato del lavoro in cantiere da sei punti di vista diversi e offrendo un’esperienza immersiva a carattere narrativo di tipo teatrale.

Personaggi: Tranquillo Marangoni (1912-1992), celebre xilografo che ha lavorato a lungo come arredatore navale nel cantiere di Monfalcone; Egone Missio (1895-1980), disegnatore navale; Nicolò Costanzi (1893-1967), architetto navale; Dante Fornasir (1882-1958), ingegnere protagonista dello sviluppo del villaggio di Panzano; Callisto Cosulich (1847-1918), fondatore nel 1908 del Cantiere di Monfalcone; Elda S. (nata nel 1921), personaggio realmente esistito intervistato nel 1997 da Caterina Bolletti.

Sala 8

La “camera delle meraviglie”: è dedicata alla produzione del cantiere navale, dimostrandone l’eclettismo e l’elevato standard qualitativo: grandi modelli di navi da crociera, immagini d’epoca e due postazioni multimediali di approfondimento.

Uno spazio è dedicato al design navale e agli arredi di interni delle navi prodotte a Monfalcone: dalle mitiche navi del passato come la Saturnia alle moderne navi da crociera ammirate in tutto il mondo. Nella subarea 11 prosegue il tema della produzione, anche collaterale, del cantiere.

Sala 9

Sala per esposizioni temporanee

Sala 10

Pannello di Zoran Mušič

Nell’Area speciale 10 viene allestito lo splendido pannello ricamato di Zoran Mušič, realizzato per la sala di soggiorno di prima classe della motonave Augustus nel 1951. L’opera, lunga ben nove metri, è stata concessa in deposito dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Sala 11

Sala produzioni collaterali.

In quest’area prosegue il tema delle produzioni del cantiere: la produzione navale è riassunta grazie ad una rappresentazione grafica d’insieme dei profili delle costruzioni realizzate nell’intero arco di vita degli stabilimenti monfalconesi. La produzione collaterale, costituita ad esempio dai memorabili motoscafi “Bora”, è anch’essa rappresentata in quest’area di passaggio che riconduce all’isola didattica.

Sala 12

Ricostruzione multimediale del Teatro di Panzano

Sala 13

Il Teatro di Panzano e le tele di Vito Timmel

Sono in mostra 7 delle 13 tele eseguite dal pittore Vito Timmel per il Teatro del villaggio di Panzano, demolito a seguito dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Un’importante testimonianza, un omaggio al grande artista-decoratore e al Teatro di Panzano, simbolo del welfare aziendale perseguito dai Cosulich.

Sala 14

Sala per esposizioni temporanee e convegni

Attualmente illustra la storia dell’immagine aziendale, della comunicazione e del marketing del Cantiere in oltre un secolo di attività. Prevede una saletta collegata alla Sala 13, in cui è possibile ammirare la ricostruzione virtuale 3D del Teatro di Panzano.